Ineluttabilità – di Gabriele Luzzini


Ineluttabilità – di Gabriele Luzzini

Read More

Il Gatto – di Simona Giaveri

I gatti hanno una connessione al mondo invisibile della magia.
Come i cani sono i nostri guardiani nel mondo fisico, i gatti sono i nostri protettori del mondo dell’energia.
Durante il tempo che passa sveglio, il gatto va “ripulire” la casa dai poteri intrusivi, dalle energie negative.
Quando dorme, filtra e trasforma questa energia. Il gatto può essere spesso in luoghi con scarsa circolazione dell’energia vitale Prana o Chi e attiva questa zona.

Read More

Nulla è Come Appare – di Simone Dellera

Titolo: Nulla è Come Appare
Autore: Simone Dellera
Editore: youcanprint
Prezzo: 3,49 euro

Clicca qui per ulteriori dettagli o acquistarlo

Un uomo si risveglia progressivamente da ripetuti incubi in cui di volta in volta progredisce di livello alla ricerca della memoria perduta. Strani accadimenti non dettati dalla logica, cui dovrà far fronte, lo accompagneranno con l’evolversi dei risvegli...

Read More

Tanti papaveri rossi come il sangue inebriano – di Mirva Akai Hana

Ogni tanto mentre percorro le stesse strade di sempre, con quei paesaggi che non cambiano mai….
Penso che tu non ci sei più e che te ne sei andato in silenzio…
Apparentemente….Nulla è cambiato.
Ascolto questa melodia che è uscita dalle tue dita, le sento che pizzicano le corde di una chitarra acustica che sarà stata il tuo Amore dall’inizio alla fine dei tuoi respiri.

Read More

Le aggressioni di ‘Spring-heeled Jack’ – di Gabriele Luzzini

Una misterioso individuo, soprannominato ‘Spring-heeled Jack’ (Jack dai tacchi a molla) terrorizzò la brumosa Londra a partire dal 1837, per poi ricomparire in periodi successivi e alimentando una sorta di aura soprannaturale attorno a sé.
Ma proviamo a raccontare i fatti con maggiori dettagli partendo dal 1837, quando avvennero i primi avvistamenti.
Infatti, proprio nel settembre di quell’anno, Polly Adams stava attraversando un parco londinese e la serata sembrava insolitamente fredda, nonostante il mese.
La donna vide un’ombra mostruosa muoversi nell’oscurità, per poi emergere con un balzo e sfigurandola con quelli che poi lei definì dei lunghi artigli.
Le successive indagini della polizia non portarono ad alcuna conclusione e il caso venne archiviato.
Ma era solo l’inizio…

Read More

À la recherche du fantastique – di Davide Rosso

Bilancio critico di un’Italia magica, notturna, fantastica (1946 – 2014)

Nel 2016 Le Monnier Università ha editato un volume mastodontico e indispensabile per chiunque si interessi di letteratura fantastica. Si tratta di Il fantastico italiano, bilancio critico e bibliografia commentata (dal 1980 a oggi), a cura di Stefano Lazzarin, Felice Italo Beneduce, Eleonora Conti, Fabrizio Foni, Rita Fresu e Claudia Zudini (insomma un team di docenti universitari e di Liceo). Il libro (di ben 986 pagine) è una summa critica su quanto si è scritto sulla letteratura fantastica italiana, in pratica una critica della critica. Tra i tanti meriti del volume vi è quello di tracciare una lineare e chiara storia delle teorie letterarie dedicate a questo genere. Nel leggere il bel saggio introduttivo di Stefano Lazzarin (a capo del progetto) “Trentacinque anni di teoria e critica del fantastico italiano (dal 1980 a oggi)” le sorprese non mancano: anzitutto il dibattito italiano sul fantastico ha origini recenti. La data precisa è il 1970, quando viene pubblicato Introduction à la littérature fantastique di Todorov, imprescindibile contributo che rinnoverà gli studi letterari sui generi. In Italia i primi dibattiti nascono sulla scia di questo lavoro e appaiono nel 1971, ma è ancora poca roba. Lo spartiacque sono due antologie letterarie, una curata da Calvino nel 1983 per Mondadori, intitolata Racconti fantastici dell’Ottocento, l’altra del 1984 a cura di Enrico Ghidetti & Leonardo Lattarulo, il Notturno italiano della Editori Riuniti.

Read More

‘Le Streghe’ Di Paolo Prevedoni – Recensione di Simone Dellera

IL GRANDE DUBBIO!!!
Sin dalle prime pagine ci addentriamo nella conoscenza di un particolare paese, Bellula! Detto anche “La Casa della Masca”, oppure “Il Bassin”, che nel dialetto locale vuol dire “Il Catino” a causa delle frequenti piogge che avvolgono quella porzione di cielo che ricopre l’intera area del paese. Eppure, l’appellativo più fastidioso abbinato al paesino o piccolo borgo, è sicuramente “Il Paese dei Bambini Scomparsi” che per certi versi può essere collegato, se vogliamo fare una citazione, a “The Blair Witch Project”. Com’è ovvio che sia, il romanzo è impregnato di folklore nero dall’inizio alla fine. Il sipario si apre sul palcoscenico del “Covo”, l’unico bar del paese, in compagnia di due interessanti personaggi… Scheggia (all’anagrafe Bruno Scheggiato) e il forestiero Morgan Villa giunto a destinazione per carpire informazioni all’unico uomo che pare abbia avuto un incontro ravvicinato con la Masca. Apprendiamo quindi che l’Inquisizione romana, catturò 13 streghe ma riuscì a bruciarne solo 12. La tredicesima si narra, che viva ancora in una sperduta radura nei pressi del “Nascondiglio del Diavolo”… in una casa con neri laterizi, sperduta fra oscuri alberi dagli scuri bracci contorti e intrecciati.

Read More

Credo di ricordarmi orba .smidollata – di Romina Capo

Credo di ricordarmi orba .smidollata
giunco nella sete esiliata .terra rossa
tra i palmi di me commossa .da te

Read More

La mano gelida – di Cristina Regis

– Respira. – Calmati e respira. – Era una sogno, era un sogno…-
… il cuore batte forte, il buio, così avvolgente, pesante, inquietante, sembra più scuro e cupo quando il male circola, denso, tangibile. Pulsante. Non voleva più dormire, doveva trovare il modo per non farlo. Gli arti non rispondevano, la mente era troppo confusa per inviare messaggi al corpo, ma era necessario alzarsi, o sarebbe tornata da lui.
Faticosamente riuscì a trovare la forza di mettersi in piedi. I pochi metri che separavano la zona notte dalla cucina le sembrarono interminabili, e poi una sigaretta, in attesa del caffè, alle 03:47 del mattino, tentando di riavvicinarsi alla realtà; era scossa, lo sapeva, la morte di suo nonno le aveva causato un trauma.

Read More

il mostro di Falmouth Bay – di Gabriele Luzzini

Era il marzo 1976 quando il piccolo quotidiano ‘The Falmouth Packet’ ricevette alcune foto che destarono la curiosità dei redattori.
Le aveva inviate Mary F. e sembravano rappresentare la prova fotografica dell’esistenza di un mostro marino nella baia di Falmouth (in Inghilterra), citato nel corso dei decenni dalle leggende locali.
Infatti, nonostante le prime apparizioni risalissero addirittura al 1876,  nessuno era riuscito a dare un riscontro della creatura che sembrava appartenere solo al folklore e a qualche bicchiere di whisky di troppo.
Invece…

 

Read More