Category La Soglia dell’Arte

Dov’è Anna? di B. Proietti e D. Crispo – Recensione di Simone Dellera

A distanza di anni, era il 1976 quando venne trasmesso lo sceneggiato, gli Autori ripropongono una nuova stesura del testo nel 2014 mantenendo invariato l’intreccio narrativo.
Un giallo intrigante a tutti gli effetti dove le numerose piste battute, forse più numerose del gatto a nove code di Argento, non portano a niente di decisivo. Anzi, risolvono il mistero d’alone che svanisce intorno alla singola pista battuta, mettendo in evidenza altri crimini ma non risolvono mai il problema principale: dov’è Anna? Rispetto al vecchio sceneggiato, il romanzo varia solo in una parte che vede Carlo confondersi con il mondo della mala, nella ricerca spasmodica della moglie che potrebbe essere finita sulla strada, al posto della vicenda televisiva di Anna che cerca di adottare un figlio illegalmente, pagando la ragazza madre che deve ancora partorire.
Ma come le altre piste battute, anche questa si rivelerà un clamoroso buco nell’acqua. In questo inedito frangente, incontra più personaggi ma quello di spicco è certamente il Lusini, anima per certi versi affine a Carlo per la ricerca del figlio scomparso.
I personaggi sono ben delineati, l’intreccio
è decisamente ottimo e il romanzo è ben scritto e arricchito dalle ambientazioni ben descritte senza arrivare all’eccesso!

Read More

Simone Dellera (Autori sulla Soglia)

BIOGRAFIA:
Simone Dellera nasce a Milano nel 1970, dove vive tuttora. Si diploma al Liceo Artistico e si laurea in scenografia presso l’Accademia di Belle Arti in Brera. Ha lavorato con compagnie teatrali amatoriali e realizzato le riprese e il montaggio di alcuni spettacoli. Appassionato da sempre di cinema in generale predilige in particolare il filone Horror, Thriller, giallo. Ama la musica illimitatamente, in particolare partendo dai classici del rock, fino ad arrivare ai suoi estremi. Ha sempre avuto l’hobby per la lettura e in seguito per la scrittura, ma è dal 2009 che si dedica seriamente alla stesura dei suoi scritti. Le sue opere sono: Absinth with Faust e la trilogia di Mickey De Santis – commissario di polizia con una particolare dote nel risolvere casi paranormali – che comprende; Uno scomodo cappotto di legno, Sette e Sette Vibrisse.

Read More

Il Mostro di Firenze e “la strategia alchemica della tensione” – di Davide Rosso

Mercoledì 26 giugno 2017 il quotidiano la Nazione apre la prima pagina con una notizia che riporta all’attenzione il caso del mostro di Firenze e la storia delle otto coppiette trucidate nel capoluogo toscano. Il giornalista che segue il caso scrive un pezzo molto suggestivo, capace di riassumere bene le nuove piste investigative. Non starò qui a fare nomi e cognomi, non sono un criminologo, inoltre non voglio amplificare l’attenzione mediatica su persone che poi, e non sarebbe la prima volta in questa infinita vicenda, potrebbero risultare completamente estranee. In sintesi, si parla di un ex legionario di 86 anni del Mugello legato ad ambienti dell’estrema destra e dei Servizi segreti. Le nuove indagini, condotte prima dello scoop de la Nazione in gran segreto dall’ostinato procuratore Paolo Canessa, aprono uno scorcio inedito, finora mai ipotizzato o quasi. E se i delitti del mostro, anziché avere una matrice psicologica e sadica, avessero altro movente? Quale? Delitti studiati a tavolino per distrarre magistrati e opinione pubblica da ciò che accadeva nell’Italia della strategia della tensione.

Read More

Sette Vibrisse – di Simone Dellera

Titolo: Sette Vibrisse
Autore: Simone Dellera
Editore: Youcanprint
Prezzo: 
6,99 euro Ebook/25,56 euro Cartaceo

Clicca qui per ulteriori dettagli o acquistarlo

Dopo il sesto incidente mortale a distanza di sei mesi dal primo, il commissario Moretti, che segue le indagini sugli strani decessi delle frazioni di Gubbio, decide di avvalersi di un aiuto esterno al distretto per progredire nelle indagini...

Read More

I giovedì della signora Giulia, dalla “pre-sceneggiatura” allo sceneggiato Rai – di Davide Rosso

Anzitutto I giovedì è un romanzo, uscito per la prima volta a puntate (28), apparse tra il 2 febbraio e il 23 marzo del 1962 sul quotidiano svizzero “Corriere del Ticino”. Autore un tale Nik Inghirami, pseudonimo un po’ anglofono, un po’ italiota, dietro al quale si cela Piero Chiara, uno scrittore nato a Luino, sulla sponda lombarda del lago Maggiore.

Read More

Il capello di Erminia (Gotico vercellese) – di Daniele Vacchino

– Quel che mi domandi sul capello… La tua risposta risiede in un racconto della tradizione del paese. Io te lo racconto così come me l’hanno riferito i vecchi che sedevano per la strada di notte. Un velo di mistero posava in quei tempi sul ponte che porta all’isola sul fiume. I vecchi credevano che superare il ponte significasse dirigersi nel mondo infero. Al contrario di quel che potresti credere, il timore della gente non era di lasciare questo mondo, avaro di soddisfazioni; la paura riguardava la possibilità di non compiere il trapasso. Restare un’ombra muta nel mondo dei vivi. Agli occhi del morto, il ponte sul fiume appariva sottile come un lungo capello di ragazza. Era necessario conoscere una formula e recitarla: solo in quel modo il ponte sarebbe apparso per quel che era e il maleficio si sarebbe dissolto.

Read More

Atlantide e i Mondi Perduti Di Clark Ashton Smith – Recensione di Simone Dellera

Una vera chicca che mancava nella traduzione italiana da parecchi anni ed edita da Mondadori. Clark Ashton Smith è da leggere e rileggere e sicuramente non può mancare nella propria biblioteca. A seguire nella lettura… una nutrita serie di e-book editi da Nero Press… all’insegna dell’orrore, del thriller, del mistero e del noir.

LETTERATURA WEIRD AL TOP!!!

Spinto dalla curiosità per il solitario di Providence che nutriva per l’Autore, mi sono imbattuto in questo volume edito dalla Mondadori che diviso in quattro parti, raccoglie innumerevoli racconti dell’Autore osannato e corrispondente di Lovecraft: Clark Ashton Smith. Corredato da un interessantissima nota introduttiva a cura di Giuseppe Lippi, tutti i racconti godono di un’originalità senza pari per l’epoca e di una scrittura accattivante e descrittiva che ci farà varcare la soglia di Mondi improbabili e dimenticati.
La prima parte riguarda il ciclo di Atlantide-Poseidonis, quest’ultima chiamata anche Poseidonia (cito testualmente) che non è altro che il nome greco dell’antica Paestum in Campania.

Read More

Sunset – di Kendra Moon

Sunset – Kendra Moon

Visita la pagina dell’artista:

Kendra Moon Photos

 

Read More

Neve – di Gabriele Luzzini

Boris Petrovic Smelov, soldato della gloriosa Armata Rossa, stava trascinando i suoi passi nell’immensa distesa innevata. Gli stivali, ormai logori e sfondati, non erano più in grado di proteggere i suoi piedi e avvertiva un principio di congelamento alle estremità.
L’orecchio aveva smesso di sanguinare ma non riusciva più a sentire e si muoveva disorientato.
L’imboscata dei tedeschi era stata tremenda a causa dell’esplosivo che avevano precedentemente piazzato.
Ancora si domandava perché il comdiv, il comandante di divisione, li avesse mandati là dietro precise istruzioni del politruk, il commissario politico.

Read More

Sul Lovecraft dimenticato della RAI (1960 – 1982) e altri appunti – di Davide Rosso

Fin dai suoi esordi, Lovecraft è uno scrittore d’atmosfera, capace di evocare, con prosa ripetitiva e sovrabbondante, retaggio d’una certa letteratura da XVIII secolo, luoghi e spazi saturati da un’aria superstiziosa e indicibile. Incubi ossessivi, paesi dell’ombra, leggende campagnole coronate da una spiccata ossessione verso popolazioni rurali e montane al limite della degradazione razziale. E ancora magioni abbandonate, paure ancestrali e, via via che si scenderà negli anni ’20, superstizioni cosmiche, primi segnali di un male corrosivo che proviene da un altrove insondabile e oscuro: il regno dello spazio alieno e indifferente alle sorti dell’uomo, così come lo era la Natura leopardiana.

Read More