Cos’é un Real Vampire – di Azraeel

DISCLAIMER:Le informazioni che sono qui contenute si addicono ad un pubblico maturo, non facilmente suggestionabile e soprattutto cosciente. Giocare con il sangue e’ pericoloso, bere sangue puo’ comportare la trasmissione di malattie. La lettura dell’articolo e’ sconsigliato ad utenti facilmente impressionabili. Le informazioni proposte sono presenti a solo scopo informativo.

Si declina ogni responsabilita’; i visitatori che scelgono di leggere questo articolo implicitamente accettano tale condizione.

Real Vampire

Il termine RV (Real Vampire) o HLV (Human Living Vampire) indica una categoria di esseri umani e mortali, che presentano tutti una caratteristica comune: il bisogno di energia. Questa viene generalmente acquisita sotto forma di sangue (sanguinari) o di energia psichica (psi vampires).

Il cosiddetto “vampiro” e’ una persona che avverte la necessita’ di assumere dagli altri, e che avverte malessere quando questo non e’ possibile. Questo bisogno, che si manifesta in forme differenti a seconda dei casi e dei singoli individui (alcuni avvertono disagio psicologico, altri invece manifestano sintomi fisici) prende il nome di “Sete”. La Sete puo’ comparire ad intervalli regolari (a qualcuno capita di notare dei legami con le fasi lunari, a qualcun altro con le differenti stagioni dell’anno) oppure in modo casuale ed imprevedibile, senza regole fisse, in forma piu’ o meno intensa; non vi sono regole fisse e canoni ben definiti per caratterizzare un RV, ma ogni singolo vampiro e’ differente, con delle peculiarita’ proprie. E’ tuttavia possibile elencare, al di la’ della Sete, alcune delle caratteristiche piu’ comuni ai real vampires: prima fra tutte e’ l’avversione per la luce solare. Spesso infatti un RV riporta scottature o irritazioni a seguito dell’esposizione al sole, e in alcuni casi avverte anche emicrania, nausea, vertigini. La parte generalmente piu’ sensibile alla luce di un HLV sono gli occhi, che possono lacrimare, risultare arrossati, irritati o addirittura gonfi in presenza di troppo sole. Un vampiro e’ in genere molto piu’ attivo durante le ore di buio: molti RV sono iper-attivi durante la notte, e non avvertono stanchezza e sonno, che invece sono molto forti durante il giorno. Un’altro punto comune a molti vampiri e’ uno sviluppo al di sopra della media di uno o piu’ sensi: molti RV, ad esempio, possono vedere nettamente meglio di un individuo medio, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione; altri hanno un udito particolarmente sensibile, e riescono a percepire suoni a frequenze che la maggior parte delle persone non avverte o non distingue. Dal punto di vista psicologico, infine, molti vampiri presentano un carattere instabile, con frequenti sbalzi d’umore che li portano ad alternare momenti di profonda depressione ad altri di accesa allegria e vitalita’.

Le caratteristiche elencate sono solo alcune di quelle presentate dai differenti RV, in particolare le piu’ diffuse e comuni; cio’ che rende un vampiro tale, tuttavia, e’ la Sete: se un individuo non avverte necessita’ di nutrirsi, di sangue oppure energia, non puo’ essere considerato un “vampiro”.