Dracula – di Sandro Fossemò

Tornai a cercar sangue.
A mezzanotte,
dalle tenebre
della Transilvania,
uscii dalla tomba.
Nella penombra
del mio castello
stesi il mantello nero
e spiccai il vol nefasto,
nell’oscurità
del ciel stellato.
Le luci colorate
mi giungevano
sole e vane,
nella città buia,
in una gelida notte.
Non riuscii più
a volare
in quell’elettrico
meccanismo!
Non v’era sangue
nelle vene di quegli automi.
Rimasi solo in quel vuoto
e in quella morte.
Sollevai con furia
il manto bruno!.
Volai via ,rapidamente,
verso una lontana
luna solitaria,
calda e luminosa.