ET IN ARCADIA EGO – di Monika M.

Et in Arcadia ego, opera del Guercino dipinto del 1618.
Questo quadro ha catturato tutta la mia attenzione dopo aver veduto il cranio di Celestino V, argomento di studi per il romanzo che sto scrivendo: Aquila, le vette dello Spirito.
Non trovate stupefacente l’esattezza del foro, della sua posizione , che nei due teschi appare?

Vi svelerò ora che guardando più attentamente il dipinto il foro si rivelerà essere in realtà…una mosca ! E mi son chiesta : posata lì a caso ? Indubbio è che il Guercino appartenesse , come molti pittori , a segrete sette e che fosse un massone , poteva egli conoscere dettagli a noi ancora oggi sconosciuti ? Nel quadro vengono ritratti due pastorelli che si imbattono in un sepolcro sul quale è incisa la enigmatica frase “ Et in Arcadia Ego “ … questa frase verrà ripresa nel 1630 da un altro artista: Nicolas Poussin! Come dicevo nel 1630 un altro pittore realizzerà la stessa scena, incidendo la stessa enigmatica frase.

La scena ritratta è molto simile, vi è il sepolcro e l’incisione, il cranio è visibile sulla porte superiore della tomba, ma le figure sono ora quattro. Tra queste spicca la figura femminile che molti identificano con la Maddalena. I pastori sono sempre due , la terza figura ritrae Alfeo. Dopo qualche anno, precisamente nel 1639 , il pittore ripropone il tema sconvolgendo alcuni dettagli .

Personalmente quello che più mi ha colpito è  lo stravolgimento attuato per ritrarre la Maddalena, non più donna dissoluta dal seno scoperto , ma al contrario ella è ritratta con la regalità di una Regina . Che il pittore fosse venuto a conoscenza del reale ruolo che la donna ricoprì? Non la meretrice che la Chiesa aveva descritto, ma una donna potente e regale che ebbe nella storia un posto di privilegio , la più amata dal Messia ? Sono certa che le dimissioni e non rifiuto, che Celestino V proferì nascondono una verità che ancora oggi resta a noi celata , ma che dettagli lasciati qua e la… potranno svelare a chi saprà guardare! Questo mi impegno a donare con il mio prossimo romanzo, creare un piccolo tassello che , unito ad altri , forse rivelerà un giorno una diversa Storia da quella, per ora, conosciuta…

Visita il Blog di Monika M.:
https://autricemonikamblog.wordpress.com/