La materia – di Matrona Malice

Secondo l’alchimia rivelata di Helmond la Materia è triplice… Questa materia fa riferimento alla “creta” che si deve lavorare e cuocere con l’arte della “Grande Opera”.
Ma prima di partire con questa catalogazione vediamo cosa significa lessicamente la parola “Materia”. Il termine materia può riferirsi a: Materia – Oggetto di studio della fisica; Materia – Concetto filosofico Materia – Soggetto dello studio e dell’apprendimento; Materia – Album musicale della band Novembre. A noi, palesamente interessano il 2° .. anche se inserirò anche il 1° per completezza ^^ Materia (fisica) In fisica classica, con materia genericamente si indica qualsiasi cosa che abbia massa e occupi spazio o alternativamente la sostanza di cui gli oggetti fisici sono composti, escludendo l’energia dovuta al contributo dei campi delle forze. Questa definizione, sufficiente per la fisica macroscopica (meccanica, termodinamica etc), non è più adatta per la moderna fisica atomica e subatomica, per cui lo spazio occupato da un oggetto è prevalentemente vuoto, e l’energia è equivalente alla massa (E=mc²). Si può invece adottare la definizione che la materia è costituita da una certa classe delle più piccole, fondamentali entità fisicamente rilevabili: queste particelle sono dette fermioni e seguono il principio di esclusione di Pauli, che stabilisce, che non più di due fermioni possono esistere nello stesso stato quantistico. A causa di questo principio, le particelle che compongono la materia non sono tutte nello stato di energia minima e quindi è possibile creare strutture stabili di assemblati di fermioni. Particelle della classe complementare, i bosoni, costituiscono invece i campi, essi possono quindi essere considerati gli agenti che operano gli assemblaggi dei fermioni o le loro modificazioni, interazioni e scambi di energia. Una metafora non del tutto corretta da un punto di vista fisico, ma efficace e intuitiva, vede i fermioni come i mattoncini che costituiscono la materia dell’universo, e i bosoni come le colle o i cementi che li tengono assieme in certi modi per costituire la realtà fisica. Materia (filosofia) Il termine materia (dal latino materia o materies), che corrisponde nei suoi significati al greco hyle (letteralmente “selva” e quindi “legna”, “legname” e per estensione “materiale da costruzione”), è usato in filosofia per la prima volta da Aristotele che lo intende come ciò che permane come sostrato nel divenire dei mutamenti e come principio di individuazione: la materia cioè come ciò che interviene attivamente facendo sì che un ente sia differente da tutti gli altri enti che pure hanno in comune con quello la stessa natura. Benché la materia, nei suoi diversi livelli di organizzazione, sia oggetto di studio di varie discipline scientifiche, l’analisi filosofica di tale concetto rimane un compito di primaria importanza. Quale realtà attribuire alla materia è ad esempio oggetto di studio della metafisica, dell’ontologia, della cosmologia; oltre a ciò spesso le filosofie si differenziano proprio in base alle diverse caratterizzazioni concettuali e ontologiche attribuite alla materia e alle realtà che (eventualmente) non si ritengono riconducibili ad essa. La storia della filosofia può essere vista anche come un continuo susseguirsi di sistemi filosofici nei quali alla materia è stata spesso opposta una qualche altra sostanza o manifestazione dell’essere di natura non materiale. Ad esempio se il materialismo riconduce tutto all’esistenza della materia, l’idealismo riconduce tutta la realtà a principi di carattere ideale o spirituale. Appurato ciò, Helmond,spiega che esistono 3 tipologie di Materia: La Materia Remotissima; La Materia Remota che nel suo SENO nasconde la Materia Proxima; La Materia Tetria; La Materia Remotissima è la materia primordiale,la Nuvola delle Tenebre o Acqua del Profondo, sopra la quale aleggia lo spirito di Dio. EN-SOPH cabalistico. La Materia Remota è il Subjectum crudum, la Materia Prima del’alchimia. Dentro a questa Materia c’è la Materia Proxima. Questa Materia Proxima è la “terra adamica”, “Umido Radicale”, Ermafrodito (Rebis) o Prometeo. Questo “Sale centrale è duplice: Volatile e Fisso,maschile e femminile; é il segreto dell’Arte Regia. La Materia Tetria è la materia che comprende le creature dei 3 Regni della Natura: Minerale, Vegetale o Animale. Perciò per iniziare la Grande Opera dobbiamo trovare la Materia Remota nella Materia Tetria, ed estrapolarne la Matera Proxima, trasformandola prima di tutto in Materia Remotissima.