La Visualizzazione – di Dévera Blackmind

La visualizzazione è una pratica davvero molto utile durante gli incantesimi, i rituali e qualsiasi altra operazione se si vuole ottenere il successo in qualunque ambito. E’ molto semplice ma nel contempo molto potente.
La si può usare nei rituali per aumentare di molto la sua facilità di riuscita, durante la meditazione per attirare le cose, come il denaro o la felicità. Nel quotidiano, per trovare parcheggio o l’ultimo biscotto nel pacchetto (ovviamente sono solo esempi). E’ una vera e propria piccola magia.
Si può applicare alla legge di attrazione e, anzi, direi che sia proprio annessa.
La visualizzazione usa l’energia di Punto Zero, ossia quel “potere mentale” che ogni mente umana sa usare e dirigere quando desidera o vuole intensamente qualcosa. Parlando con i termini della legge di attrazione si manda un messaggio all’universo dicendo ciò che vogliamo.

La visualizzazione consiste, semplicemente, nel pensare, immaginare, ciò che vogliamo. Ad esempio, se per trovare parcheggio, dovremmo visualizzare noi, con il nostro veicolo, mentre stiamo parcheggiando. Meglio se abbinato alla frase “Trovo parcheggio”.
Per trovare un lavoro visualizzeremo noi stessi mentre siamo a lavoro, pensando “Trovo un lavoro”.
Le frasi da pensare, e ripetere, devono essere necessariamente corte e chiare. Meno parole contiene, meglio è. Se volete, potete aggiungere “In poco tempo”, per cui: “Trovo lavoro in poco tempo”.
Assolutamente da evitare le negazioni: “Non cercherò a lungo un parcheggio”, “Non rimarrò disoccupato a lungo”, altrimenti il messaggio che invierete sarà questo: “Cercherò a lungo un parcheggio”, “Rimarrò disoccupato a lungo”. Altra cosa da non fare è parlare al futuro, o aggiungendo i “Se”, “Forse”, “Magari” e così via. La frase deve essere un’imposizione al presente.
“Io trovo lavoro”.
“Andrea mi chiederà di sposarmi con lui” (Attenzione: non la mano, o potrebbe chiedervi letteralmente “la mano”).
Potete utilizzare questo “trucco” per ogni cosa volete guadagnare, ottenere o raggiungere. Per trovare un oggetto smarrito, ad esempio. Io in questo modo ritrovai il portafoglio che avevo perso in casa. Visualizzai io che allungavo una mano sotto al sedile dell’auto e che lo afferravo, ripetendo: “Adesso prendo il portafoglio da sotto il sedile”. Così volli, e così fu.

Per leggere altri articoli dell’Autrice accedi al suo Blog:
Daemonia – Il Sangue Della Strega