La cosa giusta

LA COSA GIUSTA di Monica Porta

Non aveva un presepe per accogliere i fedeli, né luminarie che addobbassero il sagrato della piccola chiesa valligiana. L’altare richiedeva manutenzione. Dai muri, la vernice scrostata si raccoglieva per terra, risaltando sul chiarore opaco del pavimento. Solo l’odore acre dell’incenso mescolato al fumo di candele bianche faceva intuire che, di lì a poco, il parroco avrebbe officiato i riti del Natale. La campana scandì i suoi ultimi rintocchi. Mancava poco a mezzanotte. Sapeva che era inutile illudersi di riempire i banchi vuoti con le voci dei fedeli. I pochi nel paese preferivano frequentare quella mattutina delle sei, ma il buonuomo non si scoraggiava facilmente. Così, da anni, si era abituato a celebrare la Messa di Natale da solo. Quella notte, però, il portone si aprì e il prete spalancò gli occhi. Il dolore che leggeva sul volto di Beppe lo fece fremere. Ne conosceva il motivo e ben poco poteva fare per lui se non pregare. Il sacerdote sospirò, cominciando a celebrare per poi interrompersi. Una folla fece il suo ingresso. La chiesa ora risuonava del sommesso cicaleccio di sconosciuti e don Pino si rallegrò. Preparandosi a distribuire l’Eucarestia, rischiò di far cadere il calice per la sorpresa. Le persone in fila raggiungevano l’altare, sostavano sull’ultima piastrella davanti a lui, e scomparivano nel nulla. Inspiegabilmente. Solo Beppe gli rimase di fronte ad accogliere il Sacramento. Erano di nuovo soli. Don Pino notò che la piastrella sulla quale era avvenuto il fenomeno si muoveva sotto i suoi piedi e provò a smuoverla. Sotto, vi trovo delle banconote. Allora comprese: la gente che aveva appena avuto davanti non era mai stata reale. L’apparizione, probabilmente, voleva che trovasse il denaro, nascosto in quel punto chissà quando, chissà da chi. Così capì cosa doveva fare.

– Beppe, tienile, potrai curare la tua bambina – disse emozionato.
– Ma io… -Accettale. Aiuta tua figlia a guarire.

L’uomo prese le preziose banconote e uscì in lacrime.

Don Pino alzò gli occhi al Crocifisso: aveva assistito al suo primo miracolo.

(testo pubblicato con DELOS BOOKS – Antologia 365 Racconti di Natale) 42

Tredici

Tredici sono gli anni trascorsi
amata Keyra
noi sempre insieme nel silenzio
di gesti misurati e schivi
dentro l’emozione
ogni tuo sguardo da lassù adesso
è grandine e riparo alle mie pene
nessun confine ormai frena la strada
del grande carapace che portavi
ancora e sempre come un tempo
rivedo linee e percorso
nulla separa dall’amore
nemmeno il lutto
che ora indosso in tuo ricordo

Keyra e Tody in acqua

Fiumelatte

È il Fiumelaccio, il quale cade da alto più che braccia 100 dalla vena donde nasce, a piombo sul lago, con inistimabile strepitio e romore. »
(Leonardo da Vinci)

Ci sono luoghi dove la natura e l’uomo vivono in armonia ormai da secoli. Uno di questi è Fiumelatte, un grazioso borgo in provincia di Lecco. Si raggiunge percorrendo in auto la statale settantadue che da Lecco porta a Colico oppure utilizzando il treno con la linea F.S. Milano – Sondrio.
Fiumelatte è anche il nome del fiume intermittente che lo bagna ed è quest’ultimo particolare a rendere davvero speciale la visita. Seguendo a ritroso il letto del fiume, accompagnati dall’abile guida del Signor Alessandro Manzoni, residente e volontario del fiume, io e la mia famiglia abbiamo vissuto un’esperienza indimenticabile. Ci ha da subito colpito l’attenzione che gli abitanti del borgo prestano al fiume e ai turisti che lo visitano, offrendo anche aiuto per raggiungere la sorgente, qualora richiesto. Una camminata di quindici minuti permette la salita dal lago alla sorgente. Per farlo, è consigliabile munirsi di scarpe da ginnastica o da trekking. Arrivati alla fonte, una fontana e un’ampia area pic nic sono a disposizione gratuita dei viandanti che possono riposarsi e rifocillarsi, godendo dell’incontaminata bellezza del paesaggio.
La straordinaria limpidezza dell’acqua, visibile fin dalla sorgente, muta in bianco latte non appena acquista velocità scivolando sulle rocce a strapiombo, per poi immettersi nel lago di Como. E da qui il suo nome.
Ogni anno, il fiume di origine carsica tra i più brevi d’Italia compare a fine marzo per poi scomparire i primi di ottobre, salvo durante periodi di grande siccità, com’è accaduto lo scorso luglio. Fiumelatte è chiamato anche il fiume delle due Madonne perché, di solito, inizia il corso proprio il venticinque marzo, giorno dell’Annunciazione della Madonna, e termina con la festa del Rosario, il sette ottobre, scandendo anche la vita religiosa del paese.
Nonostante le rocce carsiche da cui nasce e la violenza con cui raggiunge il lago, Fiumelatte finora non ha mai causato danni al paese, diventando nel tempo un amico fidato dei suoi abitanti che si preoccupano se non ricompare ogni anno, rispettando le date. Considerando le bizzarrie del clima che mai ci prepara al suo funesto rovinare al suolo, rimane l’ordinata e costante intermittenza di Fiumelatte a portare un’oasi di pace nel caos che ci circonda.
Fiumelatte metà p G 800

Fiumelatte sorgente G 800

Fiumelatte foce E  800

Movieland Park

Non amo i parchi a tema
perché stordiscono il pensiero
il finto ha un sapore acido
che mi raggrinza i sensi
toglie il lucido dovunque
copre le cose senza rattoppi
lasciandomi priva di ricordi
con solo due eccezioni
libri e film
che di emozioni senza tempo
danno le ore
movieland le ha
l’adrenalina stilla energia
sveglia il sogno
e mi soddisfa
vivo l’assurdo senza rimorsi
dentro i passi
anche quando lo abbandono
IMG_20150818_115558

Matrix Anthology

Titolo: Matrix Anthology

Autore: Vari

Editore: Polimeri

ISBN: 9788897905615

Prezzo: 13 euro

Pagine: 160

 

“Segui il coniglio bianco”. Un’antologia ispirata a Matrix, capace di riaccendere la luce. Da non perdere! Qui il mio brano si intitola “Il cammino della pioggia”.

Copertina
clicca sulla copertina per acquistarlo

Lullaby

Titolo: Lullaby

Autore: Monica Porta

Editore: UltimaBooks

ISBN: 9786050376456

Prezzo: 0,99 euro

Pagine: Ebook

 

Il primo episodio della nuova saga Para-Romantic. Accompagnate Anna nelle sue indagini soprannaturali.

Copertina
clicca sulla copertina per acquistarlo