Specchio Magico – di Vittoria Cacciapaglia

Vi vedo uomini e donne
Nudi senza pelle;
Il lenzuolo vi copre a malapena le ferite
Freddo quel letto dove non c’è il sogno;
Sangue cola dalle membra invisibili
Macchia i vestiti di liquidi seminali;
E lì che arriva l’Angelo della Notte
Di nero vestita come alito di caldo infernale
Con ali dipinte di rosso;
Vi soffierà il suo alito infernale,
Vi succhierà l’Anima,
Nessuno può resisterle,
Tutti strisciano al suo cospetto,
Tossici per avere un’altra dose di veleno,
Oggi,
Domani,
Sempre,
Dalla notte dei tempi fino alla fine ;
Del non tempo;
Lei appare e scompare,
Non saprà mai nulla nessuno,
Solo storie e aneddoti;
Nata da un incubo,
E’ solo un sogno inverso.
Sicuro?