Febbraio 2020

Buon Febbraio, mondo! 🙂

E’ ancora inverno, il vento polare soffia e porta il freddo a fasi alterne.

Alzarsi dal letto la mattina è difficile, specie se dovete svegliarvi alle sei per prendere il treno. Chi è pendolare sa quanto l’imprevedibilità delle FS possa rovinare l’umore.

La primavera è ancora lontana, ahinoi, e allora che possiamo fare?

Per quelli che si dedicano all’orto, riporto un estratto del “Calendario di Frate Indovino” :

“LAVORI DEL MESE Lavorate ai nuovi impianti mettendo a dimora alberi da frutto e da giardino. Preparate le marze per gli innesti. Tempo permettendo, iniziate la potatura di viti e alberi da frutta.

ORTO Ridate terra a cipolle, agli, fave e piselli seminati in Novembre. Vigilate sui ritorni di freddo. Fate attenzione a non mettere le stesse colture nelle medesime aiuole dell’anno precedente (principio della rotazione delle colture). Semine in ambiente protetto: prezzemolo, basilico, erbe aromatiche; radicchi, indivie, cicorie e lattughe; bieta da taglio, cavoli estivi; peperoni, melanzane, pomodori. Semine in terreno aperto: piselli, fave, agli, cipolle; ravanelli, spinaci, asparagi, agretti.

GIARDINO Recidete i vecchi gerani a dieci centimetri dal colletto. Fate talee e moltiplicate per divisione delle ceppaie piante officinali e ornamentali. Mettete a dimora le rampicanti annuali. Interrate le bulbose a fioritura estiva. Non dimenticate i vasi da appartamento messi a svernare, innaffiando e concimando regolarmente. Praticate una potatura di sfoltimento agli arbusti da giardino e date una sistemata alle siepi.

VIGNA E CANTINA Finite di sistemare i nuovi impianti. Rimpiazzate le viti morte o troppo asfittiche. Concimate. Cominciate la potatura. Controllate i recipienti vinari e rimboccateli se necessario. Giorni adatti per i travasi dal 9 al 23 Febbraio. I vini frizzanti travasateli a Luna nuova”.

(dal Calendario di Frate Indovino 2020)

Chi non ha il pollice verde, come me, invece, può sempre dedicarsi a un buon libro.

L’ultimo che ho letto si intitola “Ti prego, lasciati odiare” di Anna Premoli, vincitore del premio “bancarella”.

Se volete passare del tempo spensierato, è il libro che fa per voi. A me è servito per ristabilizzare l’umore.

La storia tra Jennifer e Ian, caratteri talmente in antitesi da risultare nemesi, è il fulcro della storia. L’abilità della penna e l’ironia della scrittura di Anna Premoli promette riflessioni e risate fino alla fine del libro. A me è successo e in più di un’occasione.

 

 

Sanremo 2020 – le mie pagelle – 4° serata: GIOVANI

Tecla Insolia

vs

Marco Sentieri

Tecla

8 marzo

Confermo la prima impressione, brava e preparata.

8

Marco Sentieri

Billy blu

A risentirla oggi le parole le ho capite eccome,

stasera sono per me i due schiaffi d’amore!

8

Leo Gassmann

vs

Fasma

Leo Gassman

Vai bene così

Confermo la prima impressione al riascolto. Bravo anche a seguire le telecamere per rendere lo sguardo al pubblico.  L’ho preferito a Tecla perché ha portato se stesso. Fragilità, paure, ma anche grande energia positiva. L’ho sentito vicino ai tanti ragazzi della sua età. Ha descritto se stesso, ma anche l’universo giovani. Stamattina, dopo aver comprato l’album di Leo, l’ho fatto subito ascoltare a mio figlio di 20 anni. Grande, Leo, hai scavato nel profondo di te e sei arrivato al mondo. Vittoria meritata!

8

Fasma

Per sentirmi vivo

Al riascolto, Fasma è meno emozionato o forse sono io che ho capito le parole. Quello che è certo è che quest’anno il livello delle canzoni è alto anche nella categoria “Giovani”.

7

 

Sanremo 2020 – le mie pagelle – 2° serata

Giovani

Gabriella Martinelli e Lula

Il gigante d’acciaio

Testo sociale, con l’Italia operaria, l’Italia viva e proletaria che lavora.

“Le mani restano chiuse, nelle mani del gigante”. La strofa di chiusura, per me la più bella.

Sulla musica, forse già sentita…

7

Fasma

Per sentirmi vivo

L’emozione gioca un tiro mancino a Fasma. Trema la mano, vibra la voce e suda. Eh sì, è dura Sanremo!

6

Nella gara Gabriella Martinelli e Lula vs Fasma vince Fasma con il 51%

Non sono d’accordo con la giuria demoscopica

Marco Sentieri

Billy blu

Un testo difficile, forse l’emozione, o forse sono solo io che non capivo le parole.

6

Matteo Faustini

Nel bene e nel male

Intimista, intonato, un bel parlato che apre la strada al canto, bel canto. Bravò, bravò, da Finale!

8

Nella gara Marco Sentieri vs Matteo Faustini vince Marco Sentieri con il 52%

Anche qui, decisamente in disappunto con la giuria demoscopica… stasera non ne azzecco una J

BIG

Piero Pelù

Gigante

Il graffio di Pelù si fa sentire e apre la gara della seconda serata Big.

“… E’ un mestiere che conosco, tutti i giorni stare pronti…”!

Il suo marchio di fabbrica rimane impresso anche senza la chitarra.  Il testo commuove e l’animale da palco colpisce ancora.

Che volete di più?

Bravo, bravo, bravo!!!

8 1/2

Elettra Lamborghini

Musica e il resto scompare

Sommersa dall’arrangiamento, la voce di Elettra fatica a imporsi.

Nemmeno l’outfit l’aiuta a riemergere. Lei, bella e immobile, cantava!

5

 Enrico Nigiotti

Baciami adesso

Con Nigiotti, l’amore è sempre vero. Passione, voce e arrangiamenti sono azzeccati per la sua tonalità. E’ nella sua cornice, di piacevole ascolto. E’ la sua cifra stilistica, ma la canzone non sorprende.

7

Levante

Tichibonbon

La canzone non mi ha preso. Lei  nemmeno. L’ho sentita, tesa, respirare. La musica troppo alta, il suo microfono poco aperto, non lo so.  Comunque, qualcosa è successo. Peccato perché la voce di Levante si riconosce quando è spada.

6 1/7

Pinguini Tattici Nucleari

Ringo Starr

I Pinguini cantano e io vedo correre la festa… vorrei un chiringuito, birra e mare al tramonto… ma resta solo un sogno. Vorrei ma non posso…

6 /7

Tosca

Ho amato tutto

Bella, appassionata, recitata. Nella canzone ha dato tutto della sua esperienza di artista. Mi è mancato il dejavu del ritornello, però.

7

Francesco Gabbani

Viceversa

E qui c’è il boom! Il testo comprende appieno il senso dell’amore, le strofe complesse, eppure orecchiabili, colpiscono l’attenzione. Il suo modo di cantare coinvolge voce, corpo, sguardo, mi resta addosso. E rivedo la sua canzone dentro la mia storia. Un bel tuffo a piedi nudi!

“… Sei tu che mi fai stare bene quando io sto male e viceversa” Chapeau!!!

9

Paolo Iannacci

Voglio parlarti adesso

Intimista, delicata, la canzone di Iannacci comprende tutto il mondo di un padre. Dove l’amore cresce. Musicalmente impeccabile.

8

Rancore

Eden

E’ rap, ma non sembra. E’ una girandola di parole, una creazione dove le poche rime bastano a sfamare l’Eden. Decisamente bravo!

8

Junior Cally

No grazie

Qui le parole ripetute non appagano o forse non è il mio genere. E il genere rap si sente, eccome!

6

Giordana Angi

Come mia madre

Bellissima dedica alla madre. La penna di Giordana è sempre forte, almeno quanto la sua voce. Debole nei passi urlati, però! La voce trema e si sente la fatica.

7

Michele Zarrillo

Nell’estasi o nel fango

Zarrillo manca di voce o forse il tempo che passa ha fatto man bassa della canzone. Il testo non approda. Alti e bassi, estasi e fango sembrano mischiarsi dentro la melodia. Mi spiace, ma non l’ho compreso. Proviamo al prossimo giro. Zarrillo è un grande, ma stasera no.

5

 

Sanremo 2020 – le mie pagelle – 1° serata

Ebbene sì, cari amici, anch’io vivo la sindrome sanremese come evento sociale e perché no, anche di sano gossip.

Perciò, ci siamo: pronti – partenza – via 🙂

Ecco le mie pagelle, in ordine di esibizione, relative alla prima serata:

Giovani

Eugenio In Via di Gioia

Tsunami

Belle sonorità, interessante il testo, ma il connubio toglie spessore alle parole.

CI fosse stato meno ballo, forse…

6 1/2

Tecla

8 marzo

Voce calda e aperta al mondo.

Il testo è intenso, intriso di storia. Mi dice che la vita è un misto di zafferano, amore e dolore. Ma si può fare sempre meglio. Si può sperare nel futuro.

Vista e piaciuta subito!

8

Nella gara Eugenio in via di gioia vs Tecla vince Tecla con il 50.6%

Sono completamente d’accordo con la giuria demoscopica

Fadi

Due Noi

Voce e colore della piazza in un bel giorno di mercato. Caratteristica, la parlata romagnola del cantante e fa sorridere, ma il testo non rimane impresso.

7

Leo Gassman

Vai bene così

Leo  mostra l’anima mentre canta se stesso. L’emozione batte forte dentro la voce potente e gli si perdona alcune piccole imprecisioni. Volersi bene è importante… di più: è parte, è il tutto nel raccontarsi al mondo.

8

Nella gara Fadi vs Leo vince Leo con il 54. %

Anche qui, decisamente in linea con la giuria demoscopica

Tiziano Ferro

Volare

Che posso dire al grande Ferro? Forse un filo giù di voce (per i suoi standard), ricordo bene la sua performance dello scorso anno che oscurò i cantanti che si esibirono subito dopo di lui, Quest’anno invece non è successo.  Ma rimane pur sempre un grande cantante e mattatore.

9

Irene Grandi

Finalmente io

Ho sempre amato Irene, è rock e padrona di una tecnica eccellente. La voce poggia con sapienza sulle note e crea armonia.

Purtroppo, nel testo vedo troppo Vasco e mi distraggo. Avrei preferito leggere  anche la sua mano dentro le parole.

7

 Marco Masini

Il confronto

“Forse adesso ti è chiaro, mi son dato il permesso di parlarti davvero e accettare me stesso”.

Non ho dubbi. Testo graffiante, che ti rimane subito impresso. Peccato per gli stacchi fra la strofa e il ritornello. L’ho sentito spezzato in due. Forse era questo il senso, ma non so se l’ho capito.

7

Rita Pavone

Niente – resilienza 74

Forse un poco fuori fuoco. Si sentiva il dolore dentro le grida del cantato, ma l’esperienza del vissuto? Da lei mi aspettavo più tonalità, più colori nella voce. Piú vita e meno urlato.

Mi spiace per la platea osannante J ma non sento di più.

6 ½

Achille Lauro

Me ne frego

Finalmente intonato! Merito dell’ autotune? E chissenefrega, per restare in tema canzone.😸

Il testo lo rappresenta pienamente. Dalla voce  all’uotfit è una liberazione ascoltarlo cantare. Mi ha sorpreso piacevolmente.

L’erede di Vasco è sul palco.

Finora, la mia preferita

9

Diodato

Fai rumore

La voce sicura sostiene il testo e sale, sale, sale fino a raggiungere il pubblico. Arriva piena, vibrante, è l’emozione di ascoltarlo crescere.

Bravo, bravissimo

8

 Le Vibrazioni

Dov’è

Bello, il dolore è parte della voce e affonda l’ascoltatore. Divano o sedia, ovunque sia seduto, rimane a occhi aperti ad ascoltare il viaggio di una vita filtrato in musica. A me è successo.

Arrangiamento interessante

9

Anastasio

Rosso di rabbia

E poi arriva Anastasio con lo strike.

Testo e musica insieme, nel mezzo sentivo persino tintinnare le parole.

Ammetto di avere un debole per lui, per il suo essere artista-poeta, un vero giocoliere con le parole. Sarò di parte? Eheh, forse sì!

La musica, slegata all’ inizio dell’esecuzione, conquista pian piano braccia e gambe e vola nel finale.

9 ½

Elodie

Andromeda

Credo sia il brano più difficile da eseguire. Per la prima volta, l’ ho vista tenere una mano sul diaframma per controllare la voce. Lei che della perfezione è la regina. Ma dov’è l’emozione?

Ps. Quanti maschi conta la giuria demoscopica? (ma diciamolo piano)

7 1/2

Bugo e Morgan

Sincero

Unico duetto in gara, meglio Morgan di Bugo. L’insieme è caotico, il testo meglio.

Ed è un peccato.

6 1/2

Alberto D’Urso

Il Sole ad est

Triste, tanto triste. La voce e i vocalizzi non bastano a togliere la malinconia al testo. O forse sono i vocalizzi ad appesantire il tutto.

Il video mi ricorda… no, meglio se non lo dico 🙂

Alberto è un bravo, però.

7

Riki

Lo sappiamo entrambi

Debole esecuzione. Sommessa. Peccato perché il testo ė sincero. Rispecchia le emozioni del ragazzo (birichino con l’amore) che sa scrivere. Sul resto, beh… il canto manca ancora di carattere.

6

Raphael Gualazzi

Carioca

E’ fiesta con questo brano sbarazzino.  Testo e musica rimandano alla disco dance. Ho sorriso ma ho anche faticato, lo ammetto.

6 1/2